• hr
  • en
  • de
  • it
  • fr

Economia

Il territorio di Kastav è conosciuto fin dall’antichità come un’area di abili artigiani. Seguendo questa tradizione, l’economia del Kastav si basa anche oggi sulla piccola e media imprenditoria, pur essendoci anche alcune aziende più grandi. È stato dimostrato che sono proprio questi soggetti ad avere un futuro nelle attuali condizioni economiche.

Con un’economia così strutturata, Kastav è in grado di custodire il proprio patrimonio naturale e culturale, cercando di sviluppare attività compatibili con la tutela dell’ambiente, in armonia con lo sviluppo sostenibile. Dal 1999 Kastav è firmataria della Carta di Aalborg, ossia la Carta delle Città europee per un modello urbano sostenibile, entrando così a far parte di una grande famiglia che comprende circa 400 città di 35 stati europei.

Siccome Kastav è una porta attraverso la quale dall’interno si arriva sull’Adriatico, la città si è impegnata ad arricchire la propria offerta di alloggio e altri contenuti turistici.

Un grande sostegno allo sviluppo dell’economia, non soltanto a Kastav ma anche nei vicini comuni di Klana, Viškovo e Jelenje, viene dato dall’Associazione degli artigiani che si impegna ad aiutare gli artigiani nelle attività promozionali sul mercato, nella partecipazione alle fiere e in altre attività simili.

Il patrimonio culturale-storico di Kastav è riconosciuto anche nell’ottica di una sua valorizzazione economica. Un passo avanti in questo senso è stato fatto da Kastav in collaborazione con l’Agenzia croata per la promozione degli investimenti nel turismo. A Kastav è stato fatto un passo avanti nella collaborazione con l'Agenzia croata per la promozione degli investimenti nel turismo; il Castello di Kastav, monumento culturale di particolare valore, in cui oggi si trova la sede dell'Amministrazione cittadina, è stato valutato come un edificio di potenziale valore per l'arricchimento dell'offerta turistica. Dal 2010 qui si trova il primo albergo castuano.

 

Newsletter