Abilita l'accessibilità
HTZ
  • Hrvatski
  • English
  • Deutsch
  • Italiano
  • Français

PUST VA KASTVE (IL CARNIVALE)

dicembre

Il periodo tra la festa di San Antonio fino alle Ceneri (Mercoledì delle Ceneri) è il periodo delle maschere. Su tutto il territorio di Castua e quasi su tutto il territorio del litorale del nord, è conservata la tradizione degli zvončari (scampanatori). Le origini di questa usanza risalgono al periodo avanti Cristo, quando con il rumore delle campane e con maschere spaventose con le corna, gli uomini giravano per gli abitati scacciando l’inverno e gli spiriti malvagi, invocando la primavera. A Castua, il Carnevale (poklade) inizia il 17 gennaio (Sant’Antonio). Soffiando nel corno di Antonio si annunciano pusne nemotarije (le follie di Carnevale), e sulla piazza cittadina centrale si riuniscono i membri delle pusne kumpanije (compagnie mascherate) provenienti dagli abitati di Rubeši, Jurčići, Spinčići e Trinajstići e presentano il proprio programma di carnevale, mentre il Pust (pupazzo di paglia), nell’ambito di un programma di circostanza, verrà condannato e bruciato il giorno delle Ceneri. Tra le maschere, tutti gli anni viene scelto anche il pusni gradonačelnik (sindaco del Carnevale) al quale vengono consegnate, durante il periodo di Carnevale, le chiavi della Città, con le quali si assume tutto il potere.
La città di Castua è l’unica ad avere il Pusni statut (Statuto di Carnevale), secondo il quale il primo giorno di Carnevale vengono consegnati la Zlatna broskva (Verza d’oro - ortaggio che troviamo molto spesso negli orti e sulle tavole degli abitanti di Castua) e un diploma speciale per la miglior maschera dell’anno passato.
Durante il Carnevale, a Castua vengono organizzati i maškarani tanci (balli in maschera), la balinjerada (gara su mezzi di trasporto originali con cuscinetti a sfera, le cosiddette balinjere), le processioni degli scampanatori, i famosi zvončari... Il giorno delle Ceneri, ossia l’ultimo giorno di Carnevale, viene dato al rogo il Pust (pupazzo di paglia), il colpevole di tutte le sfortune dell’anno passato. Le motivazioni della sua condanna si chiamano pusna napoved (cronaca del Carnevale).

Galleria Fotografica